Home    Mappa del sito    Contatti  
 
     
     

 

 
Arte, attività e beni culturali

È senza dubbio uno dei settori in cui l’impegno della Fondazione è più intenso e visibile. Esso si svolge lungo due direttrici fondamentali: il contributo al restauro di monumenti ed espressioni storico-culturali di particolare pregio esistenti sul territorio e l’acquisizione di opere quali dipinti, monete e ceramiche, a parziale ricomposizione del patrimonio artistico e culturale locale.
Particolare rilievo, nel primo filone, assumono i contributi al restauro del Tempio Malatestiano e al recupero di Castel Sismondo. In questo secondo caso l’impegno della Fondazione è pluriennale, perché oltre ad aver finanziato il risanamento del monumento si è anche assunta l’onere della sua gestione per un periodo di trent’anni. È importante ricordare, inoltre, il contributo fondamentale al recupero, alla messa in sicurezza e all’apertura al pubblico della cosiddetta Domus del Chirurgo, testimonianza straordinaria della storia romana della città. A queste tre iniziative - che hanno il merito di aver segnato un punto di svolta nella presa di coscienza dell’identità storica e culturale da parte della comunità locale riminese – si aggiungono i contributi al restauro e al recupero di numerose testimonianze del passato quali chiese, palazzi e monumenti, tanto sulla costa che nell’entroterra. La valorizzazione e la divulgazione dell’identità locale vengono perseguite anche attraverso l’organizzazione di mostre ed esposizioni – ad esempio “Il potere, le arti, la guerra: lo splendore dei Malatesta” e “Seicento Inquieto” – e la pubblicazione di libri e volumi di storia e cultura.