Fondazione
Cassa di Risparmio
di Rimini
 
Newsletter
n. 1 - Febbraio 2017
   

PER UNA NUOVA LETTURA DEL TRECENTO RIMINESE

   

 
Una nuova pietra miliare sulla pittura riminese del Trecento. Sabato 26 novembre a Palazzo Buonadrata è stato presentato l’importante studio “Pietro da Rimini. L’inverno della critica”. Il volume è di fondamentale rilevanza nella storia e nella critica d’arte. Si tratta in assoluto della prima monografia interamente dedicata al grande maestro riminese, che, formatosi nella bottega del colto miniaturista Neri, proseguì insieme a Giovanni Baronzio la raffinata tradizione di scuola pittorica cominciata con Giovanni e Giuliano agli inizi del Trecento. A presentare il volume lo storico e critico dell’arte Alessandro Giovanardi. All’incontro è intervenuto l’autore, Alessandro Volpe, che all’interno del volume sconvolge il catalogo (cioè la lista delle opere attribuite al Maestro di Rimini), facendo precise distinzioni tra opere dipinte di sua mano, opere della sua bottega, opere di epigoni, seguaci e imitatori. Ne è uscita un’antologia di dipinti autografi più sottile, ma di più alta qualità. In questo numero assai ristretto si trovano le due splendide tavolette della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini (‘Le Pie Donne al Sepolcro’ e ‘Noli me tangere’), in deposito presso il Museo della Città, ora esposte al Museo d’Arte di Ravenna in un’innovativa mostra, sempre a cura di Alessandro Volpe, dedicata alla ricostruzione virtuale della Chiesa ravennate di Santa Maria in Porto Fuori, interamente affrescata da Pietro, ma distrutta durante il secondo conflitto mondiale. L’appuntamento ha concluso gli incontri di ‘Rinascite d’Autunno. Luoghi e tesori d’arte riscoperti’, iniziativa culturale di grande successo ideata e promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, con il patrocinio dell’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna. Il calendario di Rinascite d’autunno si è svolto in collaborazione con l’Ufficio Scolastico della Provincia di Rimini ed è stato riconosciuto ai fini della formazione del personale docente.
    Torna indietro